Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

La globalizzazione…

Mi faceva riflettere ieri un amico: chi vive a Roma non sa bene cosa sia la globalizzazione. La concorrenza internazionale, i cinesi, la Corea, l’India sono titoli di giornali. La delocalizzazione è una parola astratta.

Qualche giorno fa ho avuto un lungo colloquio con un imprenditore del settore macchine utensili. Ripensando alla chiacchierata di ieri mi sono ricordato quante volte nella nostra chiacchierata avesse parlato di sopravvivenza, morte, farcela, etc. Era sorridente, un’ottima persona, ma dalle parole si capiva quanto per lui sia dura vedere la sua azienda tutti i giorni confrontarsi sui mercati per resistere.

Non penso sia facile capire "indirettamente" cosa sia la globalizzazione. Ma al Nord, nelle zone vivaci del Centro il concetto è chiaro. Ognuno lo coniuga con sfumature diverse, magari usa termini diversi, ma la matrice è la stessa. Al Sud è diverso. La priorità è resistere al Sud stesso.

A Roma, invece, tutto diventa più relativo. La Città Eterna non è un buon riferimento: Se si è convinti nell’intimo che comunque in un modo  nell’altro Roma è sempre Roma, i problemi della gente che non è a Roma sono troppo lontani.

Sono favorevole ad un PD del Nord e anche ad uno del Sud. Se il problema è nei localismi, facciamoli emergere. Sarà più facile affrontarli e coniugarli al giusto livello.